SCOPRI LA MAREMMA

Castiglione – Tirli

Castiglione – Tirli

Castiglione – Tirli

Pineta, macchia, campo podere, collina, mare. Percorrere in macchina, in moto, in bicicletta le strade della maremma fa sentire un po’ in America, un po’ sulla leggendaria Route 66. Perché esistono ancora le macchie a perdita d’occhio, i campi spesso incolti, le strade deserte nei boschi e i cieli azzurri di Zabrinskie Point. Per chi ci è abituato sono solo strade, per chi invece ha abituato gli occhi a capannoni e alle incalzanti luci delle tangenziali riposare l’occhio su certi paesaggi incontaminati è un toccasana.

Il mio consiglio è:
Partite da Castiglione chiaramente percorrendo la favolosa Strada Circonvallazione e godetevi la vista del mare dall’alto della collina
In fondo alla discesa a destra sulla SP 158 fino a Pian d’Alma. Non fate come l’asino di Buridano e prendete una decisione: a sinistra il mare, Punta Ala o poco più avanti Cala violina e la magia del Golfo di Follonica in territorio comunale di Scarlino; a destra verso Tirli. Da quelle parti dire che uno è di Tirli è come dire che è di un posto lontano. E infatti arroccata in alto e così lontana sembra Los Angeles pensata da Tortona e la strada per arrivarci, pur tortuosa, è meravigliosa.
Da Tirli, dove si mangia anche benissimo, si può andare a Caldana, Giuncarico, Buriano, Vetulonia. Graziosi borghi del grossetano, che sanno ancora di miniere e non hanno la spocchia di quelli del senese. Se il tempo non è tiranno merita una visita la Rocca di Montemassi. Per arrivarci passerete da Ribolla, vecchio e tipico villaggio operaio che all’omonima miniera deve anche la statua commemorativa per i 42 minatori uccisi dallo scoppio del grisou nel 1954 (ne scrissero il Cassola e il Bianciardi insieme e il secondo anche da solo ne la sua arcinota “La vita agra”). Una volta fatta pace con se stessi e con l’universo, pieni ancora della vista dalla rocca di Montemassi e possibilmente dopo aver mangiato un panino col prosciutto, siete pronti per il ritorno a Castiglioni e sul litorale.

Nota bene:
la natura e queste strade sono stupende tutto l’anno, d’inverno e d’autunno hanno il pregio di regalarvi delle giornate di sole memorabili e di essere meno affollate.

Ph. Lorenzo Biagini

Potrebbero interessarti

  • Spiaggia del Maremma Sans SouciSpiaggia del Maremma Sans Souci La Spiaggia del Camping Maremma Sans Souci si trova nella lunga lingua di sabbia dorata che da Roccamare si estende fino a Punta Capezzolo. Questa fas...
  • Parco della MaremmaParco della Maremma La Maremma è terra selvatica ancora prima che selvaggia. È una distesa di macchia in riva al mare, lussureggiante e polverosa d’estate. La fortu...
  • Monte ArgentarioMonte Argentario Between Land and Sea Monte Argentario is one of the most famous spots in the Maremma. The promontory that looks to the Giglio Island and Giannutri...
  • Archeological Museum Ex-Polveriera GuzmanArcheological Museum Ex-Polveriera Guzman From Spanish poder keg to museum Along the walls of Levante of the historic center of Orbetello this splendid example of Spanish military architectur...
  • Kitebeach FiumaraKitebeach Fiumara ...
  • Der Garten der Klänge von Paul FuchsDer Garten der Klänge von Paul Fuchs Ein Miniaturpark Ein kleiner Park / Museum von etwa 2 Hektar, in den Privatgarten des Hauses von dem deutschen Künstler Paul Fuchs, den die Besuche...
  • Vivamus 2015: il buon vivere a MancianoVivamus 2015: il buon vivere a Manciano Vivamus 2015, sesta edizione dell'evento di promozione territoriale incentrato sulla cultura del cibo, organizzato dal Comune di Manciano con le tante...
  • Salivoli Sup Race: la sfida del Sup nella spiaggia di SalivoliSalivoli Sup Race: la sfida del Sup nella spiaggia di Salivoli Domenica 9 Aprile sulla spiaggia di Salivoli si è dato il via alla stagione Sup Race con la prima tappa della Coppa Italia FIsurf. La spiaggia di Sa...


X