• it
SCOPRI LA MAREMMA

Città di Cosa

Città di Cosa

La città di Cosa sorge sulla costa del Mar Tirreno su un promontorio roccioso dove oggi si trova Ansedonia. La città venne costruita dai Romani nel 273 a.C., dopo la sconfitta delle forze alleate delle città etrusche di Volsinii e di Vulci, in una posizione strategica che la rese ben presto un importante centro economico e commerciale.
Della struttura originaria rimangono alcuni ruderi di antiche costruzioni il Foro, le Mura, e il Tempio di Giove.
Il nome deriva da quello più antico di Cusi o Cusia, un piccolo centro etrusco che sorgeva dove ora si trova Orbetello.

Un viaggio nel tempo

La Città di Cosa, antico sito archeologico all’aperto, visitabile tutto l’anno, è una delle attrazioni più suggestive intorno ad Ansedonia.
Il centro abitato era circondato da mura, ancora oggi ben conservate, lunghe 1.5 km con tre porte di accesso e diciotto torri di cui una circolare.
La visita nell’area archeologica inizia proprio dalla porta Fiorentina (nord Ovest), attraverso un sentiero sterrato che in origine attraversava la parte della città destinata alle abitazioni dei coloni. Lungo il percorso si può sostare presso la casa dello scheletro, così chiamata per la scoperta di uno scheletro nella cisterna ed ammirare il complesso delle terme riportate alla luce solo parzialmente.
Proseguendo si incontra la casa di Quintus Flavius sulla cui pianta originaria sorge il Museo Archeologico Nazionale di Cosa, dove sono conservate le decorazioni provenienti dai templi dell’acropoli, manufatti in ceramica, oggetti in metallo e in avorio reperiti dalle abitazioni della città antica.

Il Forum e l’Acropoli

L’area del foro e quella dell’acropoli sono ben visibili ancora oggi.
Sul foro, cui si accedeva da un arco di cui si conserva il basamento, si affacciavano gli edifici commerciali Atria, la basilica di cui restano ben sedici colonne ed il complesso della Curia Comitium con la gradinata circolare ed il carcere.
L’acropoli o arce, invece, protetta da una sua propria cinta muraria, ospitava il principale luogo di culto della città, il Capitolium.

Lo Spacco della Regina e la Tagliata

Ai piedi del promontorio in cui sorgeva la colonia fu costruito il porto della città: Portus Cosanus di cui è ancora possibile osservare i resti semisommersi dal mare.
Tagliata-cosaTutta l’area circostante il porto fu attrezzata con imponenti infrastrutture, finalizzate alla creazione di un ricovero sicuro per le imbarcazioni. Per evitare l’insabbiamento del porto stesso e della laguna alle spalle in una prima fase fu utilizzata la forza delle correnti d’un emissario della laguna e d’una grande fenditura naturale della roccia, denominata “Spacco della Regina”.
In seguito, lo” Spacco della Regina”, fu sostituito da un’opera artificiale, oggi denominata “La Tagliata”: un canale scavato nella roccia, per un percorso di circa 80 m. Il flusso delle acque veniva regolato mediante paratie di legno, in modo che la corrente spazzasse via i detriti.
Questa magnifica opera di ingegneria idraulica si può osservare, ancora oggi, dalla scalinata che costeggia il promontorio.

Come arrivare alla Città di Cosa

Per chi viene da Grosseto percorrendo l’Aurelia si consiglia la prima uscita per Ansedonia; la seconda uscita per Ansedonia per chi viaggia in direzione Grosseto provenendo da Roma.
Si prosegue sempre dritto fino a superare il cavalcavia della ferrovia, girando quindi a sinistra. Si svolta nuovamente a sinistra in via delle Mimose lasciando a destra la strada comunale di Ansedonia. Si svolta ancora a sinistra in via delle Ginestre fino ad incontrare la strada sterrata che conduce al parcheggio dell’area Archeologica.

Potrebbero interessarti



Città di Cosa, rassegna dai media locali


  • Inizia il trasferimento della biblioteca piombinese
    Da lunedì 18 febbraio, in vista del trasferimento della Biblioteca Falesiana dalla sede di Via Cavour alle sede transitoria di Via Emanuele Appiani 32, si intensificheranno le operazioni di preparazione e inscatolamento del materiale documentario: la biblioteca pertanto resterà chiusa al pubblico da lunedì 18 febbraio fino a venerdì 8 ... Leggi tutto
    Fonte: tenews.itPubblicato il 17-02-2019
  • San Vincenzo: proseguono i lavori nelle aree giochi
    Continuano i lavori di riqualificazione per la messa in sicurezza delle aree giochi della città. L'intervento della squadra esterna del Comune ha interessato l’area di via Federigo Tognarini e rientra tra le iniziative intraprese da questa amministrazione per individuare e mappare tutte le aree dedicate ai bambini e mettere in ... Leggi tutto
    Fonte: tenews.itPubblicato il 17-02-2019
  • Pozzi irrigui chiusi, i cittadini di via Uranio «Un patrimonio che marcisce sotto terra»
    Dal quartiere parte un appello al sindaco. Intanto sono 32 i pozzi che sono stati ri-affidati ai privati o stanno per esserlo ... Leggi tutto
    Fonte: iltirreno.it – Grosseto notiziePubblicato il 17-02-2019
  • Corso Matteotti nord a Cecina : cantiere per i nuovi marciapiedi
    Lunedì 18 partirà la cantierizzazione del corso Matteotti Nord per il rifacimento dei marciapiedi. L'intervento vedrà la realizzazione di nuovi marciapiedi simili a quelli già presenti nella zona a traffico limitato di corso Matteotti. Si tratta di un’opera a carico di Cecina Sviluppo Srl e rientra all'interno della convenzione stipulata ... Leggi tutto
    Fonte: tenews.itPubblicato il 16-02-2019
  • Sicurezza a San Vincenzo, una conferenza stampa
    Nella giornata del 14 febbraio si è svolta la conferenza stampa organizzata dall’Auser sul tema della sicurezza a San Vincenzo. “L'Amministrazione Comunale si è spesa molto negli ultimi anni per aumentare la sicurezza in città, sia per quanto riguarda le infrastrutture, sia negli interventi amministrativi portati a termine”. “I dati ... Leggi tutto
    Fonte: tenews.itPubblicato il 16-02-2019
  • L’archivio storico di Piombino intitolato a Ivan Tognarini
    Un riconoscimento a Ivan Tognarini per l’importante contributo culturale dato alla città di Piombino nel corso degli anni. Nel prossimo consiglio comunale, previsto per mercoledì 27 febbraio, verrà discussa un delibera con la quale l’amministrazione comunale propone l’intitolazione dell’archivio storico della città a Ivan Tognarini, scomparso il 15 marzo 2014. ... Leggi tutto
    Fonte: tenews.itPubblicato il 16-02-2019
  • Naspi a rischio per gli stagionali con il reddito di cittadinanza
    Lavoratori preoccupati, una delegazione elbana sarà alla manifestazione di Roma Cafagna (Anls): «Così perderebbero tutto, anche l’assegno di disoccupazione» ... Leggi tutto
    Fonte: iltirreno.it – Piombino notiziePubblicato il 16-02-2019
  • Il Golfo resta concentrato sull’obiettivo Virtus Siena
    Sale l’entusiasmo in città per una stagione stellare ma coach Andreazza chiede alla squadra di farsi trovare pronta ... Leggi tutto
    Fonte: iltirreno.it – Piombino sportPubblicato il 16-02-2019
  • La Cna sulla crisi «Le nostre imprese al secondo posto per peso fiscale»
    La Confederazione chiama tutti a raccolta «Le aziende sono il motore della città»  ... Leggi tutto
    Fonte: iltirreno.it – Piombino notiziePubblicato il 16-02-2019

Città di Cosa - i video


X