• it
SCOPRI LA MAREMMA

Città di Cosa

Città di Cosa

La città di Cosa sorge sulla costa del Mar Tirreno su un promontorio roccioso dove oggi si trova Ansedonia. La città venne costruita dai Romani nel 273 a.C., dopo la sconfitta delle forze alleate delle città etrusche di Volsinii e di Vulci, in una posizione strategica che la rese ben presto un importante centro economico e commerciale.
Della struttura originaria rimangono alcuni ruderi di antiche costruzioni il Foro, le Mura, e il Tempio di Giove.
Il nome deriva da quello più antico di Cusi o Cusia, un piccolo centro etrusco che sorgeva dove ora si trova Orbetello.

Un viaggio nel tempo

La Città di Cosa, antico sito archeologico all’aperto, visitabile tutto l’anno, è una delle attrazioni più suggestive intorno ad Ansedonia.
Il centro abitato era circondato da mura, ancora oggi ben conservate, lunghe 1.5 km con tre porte di accesso e diciotto torri di cui una circolare.
La visita nell’area archeologica inizia proprio dalla porta Fiorentina (nord Ovest), attraverso un sentiero sterrato che in origine attraversava la parte della città destinata alle abitazioni dei coloni. Lungo il percorso si può sostare presso la casa dello scheletro, così chiamata per la scoperta di uno scheletro nella cisterna ed ammirare il complesso delle terme riportate alla luce solo parzialmente.
Proseguendo si incontra la casa di Quintus Flavius sulla cui pianta originaria sorge il Museo Archeologico Nazionale di Cosa, dove sono conservate le decorazioni provenienti dai templi dell’acropoli, manufatti in ceramica, oggetti in metallo e in avorio reperiti dalle abitazioni della città antica.

Il Forum e l’Acropoli

L’area del foro e quella dell’acropoli sono ben visibili ancora oggi.
Sul foro, cui si accedeva da un arco di cui si conserva il basamento, si affacciavano gli edifici commerciali Atria, la basilica di cui restano ben sedici colonne ed il complesso della Curia Comitium con la gradinata circolare ed il carcere.
L’acropoli o arce, invece, protetta da una sua propria cinta muraria, ospitava il principale luogo di culto della città, il Capitolium.

Lo Spacco della Regina e la Tagliata

Ai piedi del promontorio in cui sorgeva la colonia fu costruito il porto della città: Portus Cosanus di cui è ancora possibile osservare i resti semisommersi dal mare.
Tagliata-cosaTutta l’area circostante il porto fu attrezzata con imponenti infrastrutture, finalizzate alla creazione di un ricovero sicuro per le imbarcazioni. Per evitare l’insabbiamento del porto stesso e della laguna alle spalle in una prima fase fu utilizzata la forza delle correnti d’un emissario della laguna e d’una grande fenditura naturale della roccia, denominata “Spacco della Regina”.
In seguito, lo” Spacco della Regina”, fu sostituito da un’opera artificiale, oggi denominata “La Tagliata”: un canale scavato nella roccia, per un percorso di circa 80 m. Il flusso delle acque veniva regolato mediante paratie di legno, in modo che la corrente spazzasse via i detriti.
Questa magnifica opera di ingegneria idraulica si può osservare, ancora oggi, dalla scalinata che costeggia il promontorio.

Come arrivare alla Città di Cosa

Per chi viene da Grosseto percorrendo l’Aurelia si consiglia la prima uscita per Ansedonia; la seconda uscita per Ansedonia per chi viaggia in direzione Grosseto provenendo da Roma.
Si prosegue sempre dritto fino a superare il cavalcavia della ferrovia, girando quindi a sinistra. Si svolta nuovamente a sinistra in via delle Mimose lasciando a destra la strada comunale di Ansedonia. Si svolta ancora a sinistra in via delle Ginestre fino ad incontrare la strada sterrata che conduce al parcheggio dell’area Archeologica.

Potrebbero interessarti



Città di Cosa, rassegna dai media locali


  • Variante urbanistica, Tar boccia per la seconda volta il ricorso di Italia Nostra
    Firenze – Per la seconda volta il Tar della Toscana boccia il ricorso avanzato dall’associazione ambientalista Italia Nostra, sbloccando così i cantieri rimasti “sospesi”, anche in pieno centro storico. Non c’è nessun rischio, secondo il Tribunale amministrativo regionale, per il patrimonio storico, artistico e architettonico della città. Un altro sì ... Leggi tutto
    Fonte: stamptoscana.itPubblicato il 12-12-2019
  • Lo Schiaccianoci, la favola di Natale del balletto di San Pietroburgo
    Firenze – Amore, fantasia, in vicende pervase da un’atmosfera fatata di festa si addicono al periodo natalizio. Al Teatro della Pergola di Firenze sabato 21 dicembre alle ore 16:45 e alle ore 20:45, il Balletto di San Pietroburgo porterà in  scena con l’incanto delle coreografie e dei costumi di uno ... Leggi tutto
    Fonte: stamptoscana.itPubblicato il 12-12-2019
  • Artigianato artistico in Toscana: con Philippe Daverio il punto sullo stato di salute del settore
    PRATO – 20mila imprese per un totale di circa 100mila addetti e un fatturato totale di 21milioni di euro l’anno. Solo il 6% supera i 15 dipendenti, il resto è una galassia di piccole e piccolissime realtà. Una rete che sostiene un’economia vivace, che si è stabilizzata con gli anni. E’ ... Leggi tutto
    Fonte: ilgiunco.netPubblicato il 12-12-2019
  • Pisa si candida a Capitale italiana della cultura 2021
    Pisa – Il sindaco di Pisa Michele Conti ha firmato la richiesta al Ministero dei Beni e delle attività culturali per il procedimento della candidatura di Pisa a Capitale italiana della cultura 2021. Sono già stati avviati tavoli di lavoro con le università e verrà costruito un programma di lavoro ... Leggi tutto
    Fonte: stamptoscana.itPubblicato il 12-12-2019
  • Il console Wohlauer: difendiamo il giornalismo indipendente
    Firenze – Pubblichiamo l’intervento del Console generale USA a Firenze Benjamin V. Wohlauer pronunciato in occasione della cerimonia di premiazione dell’XI° edizione del Premio Amerigo. Ogni anno aspetto con grande entusiasmo quest’evento, perché significa un’occasione di scoprire nuove tendenze del giornalismo e di celebrare e ringraziare un nuovo gruppo di premiati. ... Leggi tutto
    Fonte: stamptoscana.itPubblicato il 12-12-2019
  • Bonus di 700 euro a chi si prende cura di un “vecchio” cane senza padrone
    LIVORNO. Canile di Vallin Buio. Ci siamo, forse. In una vicenda su cui la parola fine è stata scritta (invano) e a più riprese in questi ultimi anni, l’annuncio della prossima apertura del canile, realizzato nel 2004 e mai aperto, stavolta porta una data precisa: 9 gennaio. Lo assicura ... Leggi tutto
    Fonte: iltirreno.it – Grosseto notiziePubblicato il 12-12-2019
  • Ambiente e territorio: incontro aperto a Grosseto con il sottosegretario Morassut
    GROSSETO – Venerdì 13 dicembre alle ore 18 al Cassero senese i grossetani «potranno ascoltare e confrontarsi con il sottosegretario all’ambiente Roberto Morassut» afferma il Pd provinciale. «Uno dei punti chiave del programma del nuovo Pd è proprio il capitolo “verde”, individuato come una speranza e progetto per un nuovo ... Leggi tutto
    Fonte: ilgiunco.netPubblicato il 12-12-2019
  • Una nuova guida turistica della città del Balestro
    Da qualche giorno infatti è disponibile una nuova guida turistica realizzata dall'Ambito turistico Maremma Toscana nord ma personalizzata dal Comune per la città. In pratica si tratta di una mappa ... Leggi tutto
    Fonte: 247.libero.it – Maremma toscanaPubblicato il 12-12-2019
  • Nuova guida turistica per Massa: così si scoprono tutti i segreti del borgo
    Da qualche giorno, infatti, è disponibile una nuova guida turistica realizzata dall'Ambito turistico Maremma Toscana nord ma personalizzata dal Comune per la città. In pratica si tratta di una mappa ... Leggi tutto
    Fonte: 247.libero.it – Maremma toscanaPubblicato il 12-12-2019

Città di Cosa - i video


X